fatemi felice... Commentate...

lunedì 28 maggio 2012

Pantacce con Asparagi, Fiori di Zucca e Zafferano


Ci sono dei giorni in cui, per mancanza di tempo o semplicemente per scelta, preferiamo sederci a tavola e gustarci un "piatto unico", sabato ad esempio abbiamo optato per un bel piatto di pasta ricco e colorato.
Ahimè, anche per quest'anno la produzione di asparagi dell'orticello di mio suocero, è volta al termine, ma tante altre verdurine dolci e sane son li che aspettano una degna fine.. in pentola!!!!
Felice settimana!!!!

INGREDIENTI:

  • 350 g di pantacce o farfalle
  • 15 asparagi
  • 1 scalogno 
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 uova
  • 3 fiori di zucca
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 120 ml circa di brodo vegetale
  • 1 bustina di zafferano
  • sale e pepe
Lavate gli asparagi e, con l'aiuto di uno spelucchino, togliete la parte più dura.
Scaldate l'olio, aggiungete lo scalogno, affettato finemente, quando sarà trasparente, unite gli asparagi tagliati a rondelle.
Sfumate con il brodo vegetale e lasciate cuocere a fuoco lento per cinque minuti. Cuocete poco gli asparagi, lasciateli al dente, in modo che riportando la salsa sul fuoco, al momento di saltare la pasta, terminino la cottura.
Aggiustate di sale e pepe.
Cuocete le pantacce in acqua bollente salata e scioglietevi la bustina di zafferano.
Scolate la pasta al dente e condite con la salsina di asparagi. Tagliate i 3 fiori di zucca a striscioline e saltate velocemente la pasta. Tagliatele a metà le uova lessate in precedenza e sbriciolate il tuorlo sulla pasta.
Servite spolverando con il prezzemolo sminuzzato al momento.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

venerdì 25 maggio 2012

Biscottoni Orzo e Ciliegie


Concludiamo la settimana con un biscottone rustico, preparato con farina d'orzo e di mandorle, malto d'orzo, niente uova, olio extravergine d'oliva delicato e tante ciliegie, che in questi giorni.. abbondano. 
Che ne dite?? 
Colazione semplice, campagnola!!!! ..naturalmente per questa mattina.. anche il caffè è d'orzo!!!
Un abbraccio a tutti Voi!!!

INGREDIENTI:
  • 200 g di Farina di Orzo Molino Rossetto
  • 100 g di mandorle
  • 1 cucchiaino di estratto di mandorle
  • 3 cucchiai di malto d'orzo
  • 2 cucchiai di olio extravergine d'oliva delicato
  • la punta di un cucchiaino di ammoniaca per dolci
  • 100 ml di latte
  • una manciata di ciliegie a pezzettini
  • zucchero di canna muscovado per la superficie
Snocciolate una manciata di ciliegie e tagliatele a pezzettini.
Tritate finemente le mandorle e mescolatele in una terrina con la farina d'orzo e il cucchiaino di estratto di mandorle.
Unite il malto d'orzo e l'olio extravergine di oliva delicato.
Versate il latte in un bicchiere e aggiungete l'ammoniaca, mescolate.
Versate ora il latte nel composto di farine e mescolate accuratamente, unite i pezzettini di ciliegia. Amalgamate il tutto.
Prendete due placche da forno, rivestitele di carta forno e depositate delle cucchiaiate di composto, regolatevi con la dimensione, io ho preparato dei biscottoni, voi potete farli anche più piccoli.
Cospargete la superficie con zucchero di canna muscovado.
Preriscaldate il forno a 180° e fate cuocere i biscotti per una ventina di minuti.
Fateli raffreddare su una gratella.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

martedì 22 maggio 2012

Cherry Pie


Adoro la primavera e i suoi frutti, la collina, i prati verdi e il cielo azzurro.
Rilassante raccogliere ciliegie e poi.. di corsa in cucina a preparare il dolce e tanta,
tanta confettura per l'inverno.
Questa torta è ottima anche con le fragole, i mirtilli e i lamponi.

Se amate la frutta..
questa è per voi!!!

Con questa ricetta partecipo al contest: picniKiamo! del blog Peccato di Gola, di Giovanni


Sempre con me:
Farina Molino Rossetto
Tortiera cannellata Guardini

INGREDIENTI PER LA PASTAFROLLA:
INGREDIENTI PER IL RIPIENO:
  • 800 g di ciliegie dolci snocciolate
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di farina
INGREDIENTI PER LA COPERTURA:
  • 1 uovo 
  • zucchero
Ognuno possiede una ricetta personale e infallibile per fare la pastafrolla, non importa quale seguirete, l'importante è che la pasta vada lavorata pochissimo, il tempo necessario per amalgamare tutti gli ingredienti.
Tagliate a pezzetti il burro e lasciatelo ammorbidire a temperatura ambiente. Quando è abbastanza tenero da poter essere lavorato, amalgamatelo con lo zucchero, unite le uova, infine la farina e il pizzico di sale.
Impastate in fretta quindi lasciate riposare il composto in frigorifero.
Nel frattempo, versate in una ciotola le ciliegie, unite lo zucchero, la farina setacciata e mescolate accuratamente il tutto.
Dopo mezz'ora, togliete l'impasto dal frigo, dividetelo a metà e stendete le due sfoglie a 3-4 mm di spessore.
Trasferite il primo disco di pasta in uno stampo, coperto di carta forno. Fate aderire bene la pasta allo stampo e versate il composto di ciliegie, livellate.
Coprite con il secondo disco. Premete bene i bordi e sigillate.
Passate in frigo per una mezz'oretta, poi incidete la superficie, con dei tagli, dividendola in otto spicchi.
Spennellate con l'uovo sbattuto e spolveratela con lo zucchero.
Infornate per 45 minuti circa a 180°, naturalmente forno preriscaldato.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 17 maggio 2012

Soufflé al Cioccolato Fondente e Gelato alla Fragola


C'è un dolce che a me fa impazzire, il soufflé, se poi ho voglia di farmi ulteriormente male, lo abbino al gelato. Come in questo caso!!!
Dovete sapere che tutte le mattine, o quasi, mio suocero mi consegna un cestino colmo di frutta e verdura appena raccolta. Questo è il momento delle fragole.. tante fragole, troppe fragole!! Quasi  ne posso più, ho preparato confettura, gelatina, ho fatto dolci e le abbiamo mangiate così "nature". 
Mancava il gelato!!! Buono il gelato!! ..preparato in casa ancor di più!! Potevo accontentarmi?? 
.. mentre la gelatiera dava vita ad un cremosissimo gelato rosa, la mia mente e le mie papille gustative mi trascinavano con forza dinanzi ad  un caldo soufflé al cioccolato fondente!! C'è qualcosa di più attraente in cucina?? A parte il lievito Jack che in quel momento dormiva sonni profondi!!! ^__^
Detto, fatto!! Un caldo e avvolgente soufflé al cioccolato fondente, da gustare con un vellutato gelato alle fragole!! 
Estasiante dessert caldo-freddo!!
Provate e mi direte..

INGREDIENTI PER IL GELATO:
  • 300 g di fragole
  • 80 g di zucchero
  • 150 ml di latte
  • 150 ml di panna montata
  • 1 uovo
  • 1/2 stecca di vaniglia
INGREDIENTI PER IL SOUFFLE':
  • 30 g di zucchero di canna + altro per spolverizzare
  • 3 uova grandi
  • 150 g di cioccolato fondente fuso freddo
  • cacao amaro per spolverizzare
Per il gelato.
In una casseruola scaldate il latte con la stecca di vaniglia aperta longitudinalmente affinché ceda meglio il suo profumo.
Appena raggiunge il bollore, togliete dal fuoco e lasciate raffreddare.
Nel frattempo lavate le fragole e fatele sgocciolare bene.
Sbattete l'uovo con lo zucchero finché apparirà spumoso, poi aggiungete le fragole e frullate il tutto.
Quindi versate sul composto rosa, il latte, dal quale avrete tolto la vaniglia.
Infine incorporate con delicatezza la panna montata e versate tutto nella gelatiera, facendola funzionare per circa mezz'ora.

Per il soufflé.
Dose per 6 stampini.
Mettete gli albumi in una ciotola pulita e asciutta e montateli a neve ben ferma, quindi incorporate lo zucchero fino a ottenere un impasto solido ma non asciutto.
Mescolate i tuorli e il cioccolato fuso in un'altra ciotola, quindi unitevi un pò degli albumi montati.
Aggiungete gradualmente gli albumi rimasti.
Suddividete la spuma negli stampini imburrati e cosparsi di zucchero, metteteli su una teglia e cuoceteli in forno caldo a 190° per circa 15 minuti, finché la spuma non sarà rassodata.
Spolverizzate con cacao amaro e servite con il gelato.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

lunedì 14 maggio 2012

Calzone


Sabato finalmente  abbiamo inaugurato la stagione.. "forno a legna". Tutti gli anni aspetto con ansia questo momento, perché cuocere il pane, la pizza, i grissini o i calzoni in questo modo rustico e che profuma di altri tempi a me piace tantissimo!!
Non sono in grado di gestire tutto da sola, i compiti vengono divisi equamente, lui si occupa del fuoco e io di  quel  che cuocerà all'interno.
Quest'anno abbiamo iniziato con i calzoni. Semplici ma buonissimi, vi lascio la ricetta.
Felice lunedì!!!!

INGREDIENTI PER 3 O 4 CALZONI:
  • 260 ml di acqua circa
  • 50 ml di olio extravergine di oliva + altro per spennellare
  • 450 g di Farina Manitoba Molino Rossetto
  • 2 cucchiaini di sale
  • 1 cucchiaino di zucchero
  • 1 bustina di lievito di birra secco
INGREDIENTI PER LA FARCITURA:
  • 100 g di salame piccante in un'unica fetta
  • qualche pomodoro secco sott'olio a pezzettini
  • 250 g di mozzarella
  • 50 g di parmigiano grattugiato
  • passata di pomodoro q.b.
  • foglie di basilico fresco
  • sale e pepe
Versate la farina  nella ciotola dell'impastatrice, aggiungete il sale, lo zucchero, l'olio e il lievito. Versate poco per volta l'acqua e avviate l'impastatrice. La dose dell'acqua è relativa, valutate voi se diminuire o aumentare leggermente la quantità. Il risultato deve essere un impasto liscio e compatto.
Fate lievitare fino al raddoppio.
Intanto preparate la farcitura.
Tagliate a cubetti il salame, mettetelo in una ciotola e aggiungete i pezzettini di pomodori secchi sott'olio, la mozzarella,  il parmigiano grattugiato, le foglie di basilico e la passata di pomodoro. Aggiustate di sale e pepe. Mescolate con cura per amalgamare tutti gli ingredienti.
Togliete l'impasto dalla ciotola, dividetela in 3 o 4 parti uguali (io ne ho preparati 3 molto grossi).
Stendete ogni pezzo fino a ottenere un disco di circa 5 mm di spessore.
Distribuite la farcia su una metà del disco, lasciando un bordo.
Inumidite i bordi di ogni pezzo con pochissima acqua, piegate l'altra metà del disco e schiacciate i bordi con le dita per sigillarlo bene.
Spennellate il calzone con un velo d'olio e infornate finché non si è dorato e gonfiato ben bene.
La cottura con il forno tradizionale è di 20 minuti a 220°C (forno preriscaldato).
Con il forno a legna la cottura è di pochi minuti.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 10 maggio 2012

Fiori ripieni di Seirass e Asparagi


A volte capita!!!! In questo periodo i dolci poco mi interessano!!! Faccio fatica a crederlo, eppure è così!!
Tutta colpa della primavera!! Arrivata (perché è arrivata??) con il suo carico di fresche, tenere, colorate e gustose verdurine!! Le adoro!!
Largo quindi al mio momento salato e godiamoci insieme un piatto di fiorellini di pasta fresca ripieni di Seirass e Asparagi. Cos'è il Seirass?? E' un tipico formaggio fresco piemontese preparato con latte di pecora o di mucca, venduto in confezioni di garza dalla forma conica. Simile alla ricotta, ma dal sapore dolce, lattico, delicato con un lieve sentore acidulo. Se passate dalle mie parti, consiglio vivamente l'assaggio anche del Seirass del Fen.
Come condimento ho usato solo con un cucchiaio di ottimo burro fuso e un tocco di erbe aromatiche fresche.
Un bacio grande e Auguri a tutte le Mamme!!!

Sempre con me:
Farina "00" Molino Rossetto
Macchina per la Pasta Marcato

INGREDIENTI PER LA PASTA:
INGREDIENTI PER IL RIPIENO:
  • 250 g di ricotta Seirass
  • 1 mazzo di asparagi
  • 3 cucchiai di pangrattato
  • sale e pepe
INGREDIENTI PER IL CONDIMENTO:
  • burro fuso
  • timo, maggiorana ed erba cipollina
Cuocete a vapore gli asparagi, privandoli della parte più dura e fibrosa. Fateli raffreddare.
Nel food processor, mettete il seirass e gli asparagi.
Azionate fino a ottenere un composto fine e omogeneo, aggiungete il pangrattato, il sale e il pepe.
Miscelate e mettete da parte.
Preparate la pasta fresca impastando a lungo la farina con le uova. Quando il composto risulta liscio ed elastico, formate una palla e fatela riposare mezz'ora.
Tirate la sfoglia sottile, io ho utilizzato la sfogliatrice Marcato.
Ricavate delle strisce su cui disporrete dei mucchietti di ripieno. Coprite con un'altra sfoglia e con l'aiuto di uno stampino a fiore, sagomate i ravioli.
Fate bollire abbondante acqua salata, tuffate i fiori e fate cuocere qualche minuto.
Condite con ottimo burro fuso, qualche fogliolina di timo, maggiorana ed erba cipollina tagliata sottile.

Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

lunedì 7 maggio 2012

Filone di Pane Comune con Lievito Madre


E so' soddisfazioni!!! ^__^
Il mio lievito pirata Jack, non mi ha delusa, anzi!! Certo necessita di cure, ma regala profumi e sapori d'altri tempi.
Lontanissima dalla perfezione.. lo capisco!!
Ho tantissimo da imparare, lo so!!!
Ma come ho già detto "Ogni scarrafone è bello a mamma sua!!"
Tra pochi giorni incontrerò Paoletta e Adriano, da loro cercherò di apprendere il più possibile!!!! Spero quindi di migliorare e carpire segreti e tattiche per coccolare al meglio il "prepotente" Jack.
Vorrei tranquillizzare chi mi conosce, non sono impazzita anche se parlo, coccolo, manipolo e a volte litigo con il contenuto di un vasetto!! O_o  Mio marito ha accettato la situazione! Credo.. per i gustosi risultati ottenuti !!! ^__^
La ricetta che ho seguito è di Paoletta, impossibile modificare passaggi o ingredienti, tutto perfetto, ve la riporto pari pari.
Io ho usato solo lievito madre.
Un bacio a tutti e Felice Settimana!!!!


Sempre con me:
Farina per Pane Molino Rossetto
Germe di grano Molino Rossetto

INGREDIENTI:
  • 600g farina per pane o tipo 0, min. 10% proteine
  • 370g acqua
  • 14g sale
  • 150g lievito madre (rinfrescato e maturo)
  • 6g lievito (se vuoi usare la lievitazione mista)
  • 20g germe di grano tostato (facoltativo - ma ve lo consiglio - se si utilizza aumentare l'acqua di 20gr)
  • 1 cucchiaino di malto liquido
Procedimento:
Alla sera tardi rinfresca, come al solito, il tuo lievito madre e lascialo ad una temperatura di non oltre 18° (stanza più fresca della casa). Al mattino rinfrescalo di nuovo, attendi la maturazione, prendine la quantità che ti serve e procedi come segue:

Sciogli (con le mani o un frullino) il lievito madre appena rinfrescato in una ciotola insieme a 300 gr di acqua leggermente tiepida. Aggiungi 450gr di farina (l'impasto dovrà presentarsi morbido) e mescola, con una spatola o una forchetta, fino a che tutta la farina si sarà idratata.
Lascia in autolisi 30'. Se usi il germe di grano, cospargilo sopra l'impasto e copri con pellicola.

Nel frattempo sciogli il sale in una metà dell'acqua rimanente, e nell'altra metà (poco prima della fine dell'autolisi) il lievito di birra (solo se procedi con la lievitazione mista) e il malto.

Terminato il tempo d'autolisi, spolvera parte della farina rimanente sull'impasto, versa l'acqua col malto e lievito e sopra ancora farina, idrata bene tagliando con una spatola o usando una forchetta.
A questo punto versa l'acqua col sale, sopra tutta la farina rimanente e fai assorbire allo stesso modo.
Rovescia l'impasto sul piano di lavoro e lavoralo bene per almeno una ventina di minuti o fino a quando sarà bello liscio.

Adesso fai 'puntare' l'impasto 30' (1h se usi solo lievito madre) poi fai le pieghe di sovrapposizione, queste  (ma lasciando la massa intera) poi lascia riposare ancora 30'  (1h se usi solo lievito madre).
Quindi arrotonda l'impasto, attendi ancora 30'  (1h se usi solo lievito madre) poi sgasa leggermente e forma a filone portando indietro la parte di impasto opposta a te e sigillando con i pollici, continuando così fino alla fine.

Poi sigilla bene e posalo con la chiusura in alto in un panno ben infarinato, chiudilo con lo stesso panno, copri con una pellicola e attendi il raddoppio.
Il tempo dipende da molti fattori: per es. se avrai usato la lievitazione mista sarà sicuramente più veloce. In ogni caso il pane è pronto da cuocere quando, facendo una leggera pressione con le dita ai lati del filone, questo torna indietro lentamente.

A questo punto, aiutandoti con lo stesso panno, capovolgilo su una paletta ben infarinata, la chiusura dovrà finire sotto, pratica i tagli e, subito dopo, cuoci su refrattaria o teglia capovolta che nel frattempo avrai messo in forno (una tacca sopra il basso) e fatto scaldare molto bene.

Inforna a 250° per 10' poi riduci gradatamente la temperatura a 200° e completa la cottura ancora per 30’.
Gli ultimi 10' con forno in fessura.
Se usi solo lievito naturale, dovrai ridurre tutte le temperatura di circa 15°.
A metà cottura porta la teglia più in alto per permettere di cuocere bene anche la parte superiore del pane.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest

giovedì 3 maggio 2012

Torta di Mele


Viste le temperature e la quantità di acqua caduta dal cielo, martedì mattina mi è venuta una gran voglia di torta di mele. Speravo e quindi pregustavo l'idea di mangiarla nel pomeriggio, spaparanzata sul divano con una buona tazza di matè al limone, in compagnia di un ottimo libro.
Di tutto questo.. ho fatto solo la torta, ma tanto lo sapevo :)  !!!!!
Mille ricette, mille varianti per un dolce che profuma di tradizione e di casa e che a me piace definire..
"la mamma di tutte le torte".  Mia modestissima opinione. ^__^
Versione friabilissima, tra le mie preferite. Mia suocera (la ricetta arriva da lei) la chiama crostata di mele, effettivamente sembra, ma non lo è!!

INGREDIENTI:
  • 60 g di fecola
  • 140 g di Farina Molino Rossetto
  • 100 g di burro
  • 1/2 bustina di lievito vanigliato
  • 100 g di zucchero di canna
  • il succo di mezzo limone e qualche scorzetta
  • 1 uovo
  • 1/2 kg di mele
  • se serve un cucchiaio di latte
  • zucchero per la superficie
  • gelatina per dolci (io agar-agar)
Lavorate il burro con lo zucchero, fino a ottenere una crema.
Aggiungete l'uovo e amalgamate. Unite la fecola, la farina e il lievito tutto accuratamente setacciato.
Aggiungete a questo punto, il succo di mezzo limone e qualche scorzetta e se serve un goccino di latte.
Imburrate e infarinate uno stampo di circa 22 cm di diametro. Versate il composto e livellate.
Lavate, sbucciate e tagliate le mele a fettine. Disponetele sopra l'impasto.
Cospargete con altro zucchero di canna e infornate per 40 minuti.
Forno statico preriscaldato a 180°.
Lasciate raffreddare la torta e copritela con un velo di gelatina per dolci. 
Io ho usato l'agar-agar, procedendo così: 
mettete in una pentola 1/4 di litro di acqua, 1 cucchiaio e 1/2 di fiocchi di alga, 2 cucchiai di zucchero e un cucchiaino di succo di limone. Portate lentamente a ebollizione. 
Mescolate di tanto in tanto e fate bollire per 5 minuti, fino al completo scioglimento dei fiocchi.
Versate sopra la torta un velo di gelatina e fate solidificare.


Se vi è piaciuta la ricetta cliccate qui..

Follow on Bloglovin Follow Me on Pinterest